Franco, Emanuela e Teresa che scopate

Franco, Emanuela e Teresa

 

Franco è l’ultimo di tre figli ed ha 18 anni. È un ragazzo abbastanza attraente, con un bel fisico, un pisello di 22 cm ed è anche un gran porcone. Quest’ultima caratteristica è molto apprezzata dalle ragazze che si susseguono accanto a lui. Emanuela è la seconda figlia ha 20 anni, magra, alta 1,60, bionda con gli occhi azzurri, un bel culetto ed una terza di seno. La particolarità, oltre ad avere una passera pelosa, è che ha due tette sode e dure che sembrano scolpite. È una gran porca, ma solo con il suo ragazzo (quando ce l’ha) e solo dopo un bel pò che stanno insieme. Teresa, infine, è la prima figlia. Assomiglia molto ad Emanuela,  ma con quattro anni in più rispetto a Emanuela e porta una quarta di seno. Le sue tette, nonostante tutto, stanno ancora su da sole e, soprattutto quando è eccitata, i suoi capezzoli svettano maestosi. Teresa può considerarsi la classica “suora”.

Così erano il fratello e le due sorelle fino ad una sera calda e afosa di Agosto. Come ho detto quella sera faceva caldo e non si respirava. A casa erano rimasti solo Franco ed Emanuela. I genitori erano andati qualche giorno al mare (loro li raggiungevano dalla mattina alla sera ogni tanto) mentre Teresa era uscita con delle amiche per andare a mangiare una pizza. Emanuela girava per casa in reggiseno e mutandine mentre il fratello era in boxer. Squilla il cellulare di Emanuela, lei risponde e, visto che dentro casa non prende bene, esce sul balcone. In quel periodo il paese dove abita non è molto popolato, inoltre lei abita all’ultimo piano e gli altri palazzi sono più bassi, quindi uscire sul balcone cosi svestita non era un problema: non la vedeva nessuno. Mentre Emanuela è al telefono, Franco è seduto sul divano ed incomincia a osservare la sorella e nota che ha un bel fisico. Non era la prima volta che la vedeva mezza nuda, ovviamente, ma quella sera, per la prima volta la vedeva non come sorella, ma come ragazza. La questione forse era dovuta al fatto che, in quel periodo, il paese si svuotava e quindi la fica scarseggiava. Fatto sta che mentre Franco osserva la sorella, incomincia a toccarsi il cazzo che, dal canto suo, già si era alzato. Ad un certo punto Emanuela, sempre parlando al cellulare, si appoggia alla ringhiera del balcone e quindi si mette a culo pizzuto. Il fratello vedendo la sorella in quella posizione non poté fare altro che ammirare quel bel culo ed incominciò ad immaginare di poterglielo sfondare. Immaginando ciò, si abbassa i boxer, si prende il cazzo in mano ed incomincia a farsi una sega. Ad un certo punto, Emanuela, finita la telefonata si volta di scatto e trova il fratello intento a farsi una sega. Il fratello tenta di nascondere il pisello dalla vista della sorella, ma non abbastanza in fretta. Allora Emanuela, rientrata in casa dice: “Fra’, ma perché non te ne vai in camera tua a fare ‘ste cose?”. Il fratello le risponde sfacciatamente: “Perché dalla mia camera mia non riesco a vederti quando sei in balcone.”. Allora la sorella, un pò turbata, gli chiede: “Ma che ti stai facendo una sega pensando a me? Ma sono tua sorella!”. “Ed allora? Ho notato che sei anche una bella fregna. Ed inoltre hai anche un bellissimo culo.” dice il fratello e così si riscopre il cazzo ricominciando a farsi una sega davanti alla sorella. Emanuela ora veramente turbata non risponde ed esce dal salone e va in cucina. Intanto Franco continua a farsi una sega. Dopo qualche minuto Emanuela torna e vedendo che il fratello si sta ancora segando gli dice: “Ma ancora non hai finito? Ma quanto ci metti? Non mi va di stare tutto questo tempo in cucina.”. Il fratello le risponde: “E allora stai qui. Io non mi scandalizzo mica.”. “Io invece abbastanza.” gli risponde Emanuela. Allora il fratello le dice: “Se vuoi che finisca in fretta dammi una mano: levati il reggiseno e gli slip. Spogliati completamente qui davanti a me è fatti ammirare completamente nuda”. Allora Emanuela gli dice: “Ma che sei matto?”. Il fratello le risponde: “Qual è il problema? Ti ho già detto che anche se sei mia sorella sei comunque una bella fica.”. Allora Emanuela gli dice: “Ok, almeno cosi ti sbrighi.”. Dicendo questo si toglie il reggiseno mostrando le sue magnifiche tette, poi si toglie gli slip. Per togliersi gli slip si mette di spalle al fratello e piegandosi per toglierseli si china e quindi mostra il suo bel culo in tutto il suo splendore davanti al fratello. Poi si volta e mostra anche la sua bella fica pelosa bionda. Il fratello vedendo quello spettacolo si eccita come non mai e sta quasi per venire, ma si trattiene tentando un’altra proposta alla sorella. Non fa in tempo a pensare questo che Emanuela, vedendo che il cazzo del fratello, nonostante sia rosso come non mai ancora non viene, gli chiede spazientita: “Allora? Non ti basta vedermi nuda? Che vuoi pure un bocchino?”. Al sentire questo il fratello le risponde subito: “Magari…non mi dispiacerebbe affatto.”. Allora Emanuela gli risponde: “Guarda che dicevo tanto per dire…tu non starai dicendo sul serio vero?”. Il fratello le risponde: “Altroché se sono serio…e poi sono sicuro che un cazzo cosi grosso non lo hai mai assaggiato.”. Emanuela, guardando fissa il cazzo del fratello, gli risponde: “In effetti no…hai veramente un bel cazzo grosso. E va bene ti faccio un bocchino, ma solo per questa volta.”. Dicendo questo si avvicina al fratello, si mette in ginocchio davanti al fratello, gli prende il cazzo in mano ed incomincia a leccarlo. Dopo averlo leccato un pò esclama: “Certo che ha un bel sapore…è proprio buono.” e ricomincia a leccarlo. Poi se lo mette in bocca ed incomincia a ciucciarlo come si deve. Franco vedendo la sorella che gli fa un pompino supremo non resiste più e sborra subito dentro la bocca della sorella. Emanuela beve tutto lo sperma, lo guarda un pò triste e gli chiede: “Be? Sei già venuto? Pensavo ci mettessi un pò di più…vorrei divertirmi un pò anche io.”. Allora il fratello le dice: “Continua a segarmi e vedrai come mi ridiventa duro…intanto fammi palpare le tue tette.” cosi dicendo incomincia a palparle le tette mentre la sorella gli sega il cazzo. Ridiventato di nuovo duro, Emanuela, ricomincia a leccarlo e poi a ciucciarlo. Mentre Emanuela ciuccia il cazzo del fratello sente un formicolio alla sua bella fichetta e non può fare a meno di toccarsela. Eccitandosi sempre di più, Emanuela, perde tutte le inibizioni e rivolgendosi al fratello gli chiede: “Ti va di scoparmi? Mi è venuta una voglia irresistibile.”. Il fratello pensando che stesse scherzando le risponde: “Certo…ma non hai detto che sei mia sorella?”. Emanuela sempre più infoiata gli dice: “Non me ne frega niente se sei mio fratello oppure no. E poi sai come si dice: non c’è cosa più divina che scoparsi la cugina, ma la cosa più bella è scoparsi la sorella.”. Sentendo questo, Franco leva il cazzo dalla bocca della sorella, la alza, si fa montare a cavalcioni e le dice: “Forza…fammi vedere che puledra che sei.”. Emanuela prende il cazzo fraterno, se lo punta sul suo buchetto vaginale e con un unico colpo se lo pianta in fica dicendo: “Siiii…cosiiiii…daiiii…sbattimi per bene…non ti piuuu…oohhh…è bellooohhhh.”. Il fratello sentendo la sorella gemere in questo modo prende a dargli dei colpi vigorosi facendola godere sempre di più e le dice: “Che sorella troia che ho.”. Emanuela ansimando gli dice: “Ancora non sai quanto.”. Dopo essersi fatta sbattere per un pò sente il fratello irrigidirsi allora velocemente si sfila il cazzo dalla fica e mettendosi a novanta gradi dice al fratello: “Oltre alla fica ho anche un culo e vorrei che me lo sfondassi anche tu.”. Si prende con le sue mani e si allarga il culo mostrando un piccolo buco: segno che non era affatto vergine. Il fratello si alza, la prende per i fianchi, gli punta il cazzo sul forellino anale e con un vigoroso colpo glielo affonda completamente. Emanuela allora esclama: “Ahia…cosi me lo spacchi…comunque ora muoviti avanti e indietro…non ce la faccio più.”. Il fratello incomincia a stantuffarla con foga per un pò ed alla fine le dice: “Sorellina puttanella non ce la faccio più.”. Allora Emanuela gli risponde: “Dai sborrami nel culo.”. Il fratello si lascia andare e gli inonda il culo di sperma. In quel momento anche Emanuela raggiunge l’orgasmo e si accascia a terra. Il fratello estrae il cazzo e le chiede: “Ti va di pulirmelo?”. Emanuela prende il cazzo del fratello ed incomincia a leccarlo, ma subito dice: “Sa un pò di merda…si vede che non mi era pulita bene…vabbè…” e ricomincia a leccarlo pulendolo tutto. Il fratello vedendo la sorella così porca le dice: “Certo che non sapevo fossi cosi troia. Non capisco come mai nostra sorella Teresa sia cosi diversa da noi…non è che siamo stati adottati?” le dice sorridendo. Emanuela si alza e rimettendosi gli slip e il reggiseno, gli sorride e gli risponde: “Forse è stata lei ad essere adottata.”. Il fratello si rimette i boxer e le chiede: “Senti un pò, visto che tu dormi con Teresa, ma dimmi una cosa: nuda com’è?”. Emanuela risponde: “Secondo me è una gran fica…però io posso dare solo un giudizio da ragazza.”. A quel punto a Franco gli viene un’idea e dice alla sorella: “Perché non le fai qualche foto mentre si cambia e poi me le fai vedere?”. “Si e come faccio? Non si farà mai fotografare.” dice Emanuela. “Aspetta che ti faccio vedere una cosa” dice il fratello. Prende un pacchetto lo apre, mostra alla sorella il contenuto e gli dice: “Questo l’ho acquistato un pò di tempo fa su internet. È una microcamera digitale. È completamente automatica e registra fino a 50 foto. Se tu la sistemi in modo che si possa vedere bene Teresa quando si cambia la questione è risolta.”. Allora Emanuela risponde: “D’accordo, però se ne hai un’altra perché non la mettiamo una anche in bagno quando lei va a farsi la doccia?”. Il fratello pensa: ” Accidenti quanto è porcella la mia sorellina.”. Poi le risponde: “Ecco…le vendono in coppia.”. Detto questo i due fratelli sistemano e impostano le due microcamere ed allora Emanuela gli chiede: “Ma dopo che hai verificato quanto è fica nostra sorella che cosa ne farai delle foto? Non ti farai delle seghe guardandole o le metterai su internet…spero”. Franco un pò balbettante cerca di rispondere ma Emanuela lo precede e gli dice: “Ora che so che bel pisellone che hai, questa sera non sarà l’unica volta che scoperemo insieme. Ho intenzione di ripetere varie volte l’esperienza e per questo devi essere bello carico. Se ti fai delle seghe potresti non soddisfarmi come si deve. Quindi che ci farai poi con quelle foto?”. Allora Franco le risponde: “Verificherò quanto è sorca e poi le cancellerò.”. Rassicurata dal fratello Emanuela non gli chiede più nulla si mette a guardare la televisione insieme al fratello. Il giorno dopo si presenta subito l’occasione per Franco: Teresa va in bagno per farsi una doccia. Allora Franco le dice: “Un attimo, sorellina prima devo andare io.”. Va in bagno, chiude la porta ed imposta la microcamera in modo che scatti le foto ogni 30 secondi. Poi scarica il water (per simulare che abbia fatto un bisogno) e lascia il bagno libero alla sorella. Quando Teresa entra in bagno, Franco va da Emanuela e si fa ridare la microcamera usata la sera  prima quando Teresa si era cambiata per andare a letto. Emanuela insiste per vedere se le foto sono venute bene o meno, ma il fratello non se la sente di rischiare con Teresa in casa e quindi decide di rimandare la visione delle foto al pomeriggio: con un pò di fortuna Teresa sarebbe uscita. Comunque scarica la memoria sul pc e riposiziona la microcamera nella camera da letto delle sorelle. Dopo aver fatto la doccia, Teresa, esce dal bagno e va in camera per cambiarsi ed intanto Franco recupera la microcamera dal bagno. Intanto, Emanuela, un attimo prima che Teresa entrasse in camera aziona la microcamera e riprende a leggere una rivista…o meglio fa finta di riprendere a leggere una rivista. Nel pomeriggio, la fortuna assiste Franco ed Emanuela, in quanto Teresa esce e non sarebbe rientrata se non tardi dopo cena. Appena Teresa esce i due fratelli scaricano le ultime foto sul PC ed incominciano a guardare le foto. Franco nel vedere la sorella maggiore completamente nuda, con le maestose tette al vento e con una passera pelosa bionda in bella mostra si eccita non poco. Emanuela se ne accorge e gli dice: “Fratellone mio, vedo che ti stai eccitando. Ci penso io a soddisfare la tua voglia.”. Emanuela estrae il cazzo di Franco e gli incomincia a fare un bel pompino. Quando il cazzo di Franco è bello duro, lei si alza, si leva il vestito intero tipo copricostume, si leva gli slip (stavolta era senza reggiseno), si mette a cavalcioni sul fratello e si pianta il cazzo nella fica con un colpo solo. Dopo aver stantuffato un pò la sorella Franco viene inondando di sperma la fica della sorella. A questo punto Emanuela esclama: “Frà…ma già sei venuto? Anche oggi non sei durato molto. Mi fai rimanere sempre con una voglia…”. Allora il fratello incomincia a palpare le dure tette della sorella e le dice: “Scusami sorellina, ma vedere per la prima volta Teresa nuda mi ha fatto eccitare non poco. Poi tu sei stupenda a fare i bocchini, infine hai una fica caldissima e scopi come una pornostar…tutto questo mi ha fatto venire prima. Comunque se vuoi ti masturbo un pò io, con la mia mano…che ne dici?’. Emanuela sorpresa risponde: “Vorresti infilarmi una mano nella fica? Non ho mai provato, ma dev’essere niente male. Ok, prova un pò.” e si mette sul tavolo a gambe larghe davanti al fratello. Il fratello le dice: “Veramente non pensavo ad infilarti una mano dentro, ma visto che ne hai parlato lo faccio ben volentieri.”. Franco inizia infilandogli prima un dito, dopo aver lubrificato come si deve la passera della sorella ed il suo dito ne infila un secondo. Poi tre ed infine con la mano a carciofo ci infila tutta la mano. La mano di Franco è entrata a metà quando improvvisamente si apre la porta di casa. Teresa appena apre la porta si trova quella scena davanti agli occhi e rimane impietrita senza parole: sua sorella che si fa masturbare da suo fratello e soprattutto con mezza mano del fratello dentro la sua fica. “Ma che state facendo? Siete impazziti per caso?” esclama Teresa. Franco lasciando la mano nella passera di Emanuela le risponde molto mestamente: “Cara sorellina io avevo voglia irresistibile di fica e lei aveva voglia di cazzo e cosi ci stiamo facendo passare le nostre voglie.”. Al che Teresa sempre più scioccata dice: “Ma non potete farlo tra di voi: siete fratello è sorella. Questo si chiama incesto.”. Allora Emanuela le risponde: “Teresa come t’ha detto Franco stiamo placando le nostre voglie. Meglio se lo facciamo in famiglia piuttosto che farlo con degli sconosciuti, non pensi? Almeno così rimane tutto in famiglia.”. Poi rivolgendosi al fratello: “Tu intanto infilarmi tutta la mano…continua l’opera che hai iniziato.”. Franco non se lo fa ripetere ed infila tutta la mano nella fica della sorella. Intanto Teresa si avvicina decisa a fermare quell’oscenità quando l’occhio le cade sullo schermo del PC e vede una foto che la ritrae completamente nuda in bagno. Sorpresa da quella visione si arrabbia ancora di più ed urla ai due fratelli: “Ma siete due porci…due depravati…quella è una mia foto nuda…mi avete spiata al bagno…ma che vi dice la capoccia?”. Franco spazientito da quelle urla estrae la mano dalla fica di Emanuela, si alza, si avvicina a Teresa e mettendogli tutte e due le mani sulle sue tette le dice: “Si siamo due porci e a me piace tanto vederti con queste tette al vento. Sono proprio sode.”. Allora Teresa levando le mani del fratello gli dice: “Stronzo…se ci riprovi ti do una sberla. Ricorda che sono tua sorella maggiore.”. Allora Emanuela, che nel frattempo si era alzata dal tavolo, si posiziona dietro Teresa, le prende i polsi e li mette dietro la schiena immobilizzando Teresa. Rivolta la fratello gli dice: “Dai…ora puoi toccarla come hai sempre desiderato.”. Il fratello accetta subito l’invito di Emanuela e ricomincia a tastare le tette di Teresa mentre quest’ultima continua a protestare. Poi, Franco, le alza la gonna e le mette una mano in mezzo alle gambe massaggiandogli la passera e sentendola già umida le chiede: “Teresa fai tanto la schizzinosa e nel frattempo ti sei eccitata?”. Teresa che nel frattempo aveva smesso di urlare gli risponde: “Per favore non mi fate questo. Si mi sono eccitata a vedervi, ma non possiamo…vi prego lasciatemi stare. sono vostra sorella…non mi potete fare questo…per favore”. Il fratello incurante delle suppliche della sorella maggiore le tira giù gli slip. Guardando dal vivo quella passera pelosa e bionda gli fa diventare il cazzo subito duro. Incomincia con un mano a frugarla in mezzo alle gambe. Teresa che ormai non ha più la forza di reagire con un pò di voce dice: “No…per favore…questo no…oohhh…mi sto eccitando sempre di più…nooohhh…aaahhhh…ho vogliaaahhhh…ora fatemi godere brutti porci.”. Sorpreso da quel cambiamento di umore, Franco, rimane un attimo sorpreso, ma poi riprende a masturbare la sorella con maggior foga. Emanuela, visto che la sorella non opponeva più resistenza e visto il cambiamento di umore, le lascia i polsi. Le sbottona la camicetta, le scodella quelle tette enormi e inizia a succhiarle. Prima le bacia in tutta la superficie. Poi le lecca avidamente. Poi arriva alla aureola e la lecca delicatamente. Infine arriva al capezzolo. Prima lo lecca con la lingua a punta, poi lo succhia, prima delicatamente e poi con forza, lo mordicchia dolcemente. Poi lo prende in mano, lo stuzzica con un dito ed infine lo strizza delicatamente. Cosi facendo Teresa si eccita come non mai ed incomincia a grondare umori dalla passera bagnando completamente la mano del fratello. Allora Franco le chiede: “Sorelle care , perché non andiamo in camera da letto cosi stiamo più comodi?”. Le due sorelle neanche rispondono e si dirigono in camera da letto dei genitori, visto che l’unico letto matrimoniale è in quella stanza. Appena in camera da letto Teresa si spoglia completamente. Allora Franco la stende sul letto e le chiede: “Hai mai fatto un bocchino?”. “No…però non voglio farlo…mi fa schifo il solo pensarci.” risponde Teresa. Emanuela stava per controbattere, ma il fratello la precede e dice: “Ok…andiamo per gradi. Te lo voglio infilare nella fica…quindi ora stai rilassata cosi entro senza problemi. Se stai tranquilla non sentirai nessun dolore…sarò delicatissimo”. Teresa non dice niente e si lascia allargare le gambe dal fratello. Allora Emanuela prende il cazzo di Franco e lo indirizza nella fica di Teresa. Franco appoggia il cazzo su quella passera fradicia e lo mette dentro. Piano piano senza spingere perché suppone che Teresa sia ancora vergine. Mentre entra con il cazzo dentro la sorella quest’ultima tiene gli occhi chiusi e mugola di piacere. A quel punto, Emanuela, da grande porcella che è si mette con la sua fica sulla faccia di Teresa e le dice: “Zoccola, leccami la fica mentre ti fai sbattere come una cagna in calore da quel porcone di nostro fratello.”. Teresa è un pò schifata, ma è comunque più infoiata e quindi obbedisce ed incomincia a leccare la fica di Emanuela. Franco rimane confuso sia a sentire come Emanuela ha apostrofato la sorella e sia perché Teresa ha eseguito una cosa che le avrebbe dovuto far schifo come il bocchino. Vedendo l’espressione del fratello Emanuela gli spiega: “Essere apostrofata in questo modo la eccita ancora di più, ed in questo momento non capisce più nulla e fa tutto automaticamente, ma appena riacquista coscienza scoprirà che le piace. Infatti sento che ora ci sta mettendo più foga. Accidenti come è brava…siiii…ahhhh…dai Franco scopala…voglio sentire come mi lecca mentre la trombi.”. Allora Franco continua la penetrazione. Con il cazzo a metà non sente ancora la membrana dell’imene. Allora preme un pò di più e sente che non c’è nessuna resistenza: l’imene era già stato lacerato. Franco in uno sprazzo di lucidità pensa: Ma ‘sta bacchettona di Teresa non doveva essere vergine? Vuoi vedere che è più zoccola di Emanuela?”. Allora Franco entra con tutto il cazzo dentro la fica di Teresa ed incomincia a trombarla con foga. Allora Emanuela esclama: “Aaahhhh…accidenti…come lecca…le piace proprio essere trombata…aaahhhh…mi sta facendo venire…ahhhh…non resisto..oohhh….vengooooohhhh”. Ed Emanuela arriva all’orgasmo bagnando completamente il viso di Teresa con i suoi umori. Nel frattempo Franco, sentendo le imprecazioni della sorella ha aumentato il ritmo della scopata ed ha sborrato liberamente nella fica di Teresa. Quest’ultima sentendo lo sperma caldo all’interno dell’utero e con in bocca il gusto degli umori di Emanuela viene in un orgasmo immane…come non ne ha mai avuti in vita sua. A questo punto i tre fratelli rimangono distesi sul letto. Dopo un pò Franco chiede a Teresa: “Ti è piaciuto?”. Lei gli risponde: “Certo…non vedevo l’ora di farmi una scopata…la prima scopata con te.”. Nel sentire questo Franco rimane stupito, sta per dire qualcosa, ma Emanuela lo precede e gli dice: “Ci devi perdonare fratellino perché è stato tutto un trucco organizzato da noi due. Fin da quando mi hai vista sul balcone mezza nuda, quando mi sono messa a culo pizzuto…la telefonata era finta…quando mi sono offerta di darti una mano per farti venire prima…insomma tutto fino alla scopata con Teresa. Ovviamente Teresa non era arrabbiata prima e…penso lo avrai capito…hai una sorella bisessuale (la sottoscritta) ed una (Teresa) che non era assolutamente vergine e neanche che così “suora” come invece fa credere…lo fa per mantenere  è una certa reputazione. Inoltre devo sapere che  è la fica di Teresa non ê stata sfondata da  è una  cazzo vero, ma da uno finto e…da una sua amica.”. Franco a quella rivelazione rimane scioccato e Emanuela continua: “Si proprio così: Teresa è lesbica. Però ora che ha provato anche il cazzo vedrà se rimanere lesbica oppure passare all’altra sponda oppure abbracciare tutte e due le cause. Comunque non ti preoccupare: in ogni caso, almeno la mia fica è sempre a tua disposizione. Contento fratellino di avere due grandi zoccole come sorelle?”. Franco non risponde, sorpreso da quella rivelazione, ma annuisce soddisfatto.

Da allora Teresa anche se ha preferito rimanere lesbica, si concede lo stesso al fratello, ogni volta che tutte e due me hanno voglia. Però Teresa accetta di farsi scopare con il fratello a patto che lui non le Roma il culo e a patto che partecipi anche Emanuela: così lei ha la durata razione di fica.

 

Publicato in Fratello e Sorella. Parole Chiavi , .