Io, mia sorella, Tiziana e Emanuela

Io, mia sorella, Tiziana e Emanuela

All’epoca io (Paolo) avevo 23 anni, mia sorella (Alessandra) 19 e Tiziana 18. Io sono alto 1,76, peso 72 Kg sono quindi magro, capelli castano scuri, occhi azzurri ed un cazzo di 20 cm. Mia sorella invece è alta 1,60, magra (non so il peso esatto), bionda, capelli corti, occhi azzurri, una terza di seno, una passera pelosa ed un bel culetto a mandolino. La sua amica, Tiziana che conosce da quando aveva 12 anni, è alta 1,70, anche lei magra (anche in questo caso non so il peso), mora con i capelli lisci lunghi, occhi marroni, una terza di seno, una passera un pò pelosa ed un bel culo a mandolino. Infine, Emanuela, è una compagna di classe di mia sorella delle superiori. Anche lei ha 19 anni, alta 1,65, magra, capelli neri lisci e lunghi, un bel culo ed una quinta (naturale) di seno , leggermente in carne un bel culo ed una fica normalmente pelosa. Di viso non è proprio bella, ma attira abbastanza ed ha un’espressione da porca e da grande pompinara.
Un giorno d’estate mia sorella invita a pranzo Tiziana ed Emanuela. Io mi accodo con loro, in quanto, anche se frequentiamo gruppi di amici diversi Tiziana la conosco molto bene (fin da quando mia sorella aveva 12 anni e Tiziana 11 si conoscono) ed Emanuela, anche se l’avevo vista solo in foto (foto che avevano fatto in classe mia sorella nell’ultimo anno di liceo) ne avevo sentito parlare molto da mia sorella. Visto che siamo stati in spiaggia, prima di pranzare ci vogliamo fare una doccia. Purtroppo (o per fortuna) il bagno è unico e dobbiamo fare i turni per farci la doccia. Il primo a farsi la doccia sono io. Poi tocca a mia sorella. Mentre lei fa la doccia io mi metto a parlare con Tiziana ed Emanuela. Anche se Tiziana mi attizza non poco Emanuela mi attira di più…sicuramente per quelle tette straripanti che ha (a me piace molto il seno femminile). Inoltre il reggiseno del costume non riesce a contenere le sue zinne e sembra che debba scoppiare da un momento all’altro: questo mi eccita non poco. Dopo un pò mia sorella esce dal bagno e quindi tocca a Tiziana. Alla fine tocca ad Emanuela. Parlando con quest’ultima ho potuto ammirarla in varie pose: a gambe accavallate, dentro la scollatura quando si chinava, ecc. Tutto questo mi aveva fatto eccitare non poco. Durante la doccia di Emanuela, mia sorella e Tiziana vanno in camera di mia sorella e chiudono la porta. Allora io mi alzo dalla sedia e molto silenziosamente mi avvicino alla porta del bagno. Mi chino e cerco di vedere dal buco della serratura. Purtroppo la vasca si trova molto spostata rispetto alla porta per cui sarei riuscito a vedere qualcosa solo quando Emanuela sarebbe uscita dalla vasca. Ma di certo non potevo attendere visto che mia sorella e Tiziana sarebbero potute uscire dalla camera in qualsiasi momento e visto che la porta della camera era davanti a quella del bagno non avrebbero potuto non vedermi. Stavo per allontanarmi e rimettermi a sedere in salone, quando sento dei gemiti provenire dalla camera da letto di mia sorella. Mi chino per vedere dal buco della serratura della camera di mia sorella e vidi molto bene la scena. Infatti in questa stanza il letto era sistemato davanti alla porta e si poteva vedere benissimo. Quello che si presentò ai miei occhi era mia sorella che stava lesbicando con Tiziana. Si baciavano in bocca palpandosi le tette al vento. Poi si accarezzano le loro fiche pelose, anche queste all’aria. Poi si baciavano le tette e a turno si leccavano le loro passere. Si vedeva perfettamente dai loro visi che erano eccitatissime e godevano molto. Hai capito la mia sorellina: pensavo fosse una verginella santarellina invece era una lesbichetta in calore come non mai. Nel vedere questa scena mi sono eccitato e mi sono tirato fuori il cazzo facendomi una sega. Mi ero completamente dimenticato di Emanuela che stava al bagno e non sentii la porta del bagno aprirsi. Emanuela vedendomi chinato ad osservare dal buco della serratura e con il cazzo in mano non disse nulla. Mi si avvicinò silenziosamente e mi prese il cazzo in mano. Solo allora mi ricordai di lei. Appena la vidi stavo per dire qualcosa, ma lei mi fece cenno di stare in silenzio. Si chinò pure lei per vedere dalla serratura e, tenendomi, il cazzo in mano incomincio a farmi una sega. Intanto vedevo che l’altra sua mano si era infilata dentro gli slip del costume e si rovistava freneticamente la fichetta. Dopo aver osservato quella scena lesbica, Emanuela, si mette in piedi e mi trascina in salone tirandomi per il cazzo. Cosi facendo me lo fece diventare duro e con quella voce molto femminile mi disse: “Stai zitto e scopami!”. A quell’invito non opposi resistenza. Lei si inginocchiò davanti a me ed incominciò a succhiarmi il cazzo. Era davvero brava, a quanto pare anche lei non era assolutamente di primo pelo. Dopo avermi ciucciato per bene il cazzo si slaccia il reggiseno facendomi ammirare quelle sue tette enormi. Mi tuffo in mezzo al suo petto palpando e baciando quelle tette. Lei gemendo di piacere mi dice: “Mmmhhhh…mi stai facendo arrapare…”. Allora io continuo a leccarle le tette mentre con una mano scendo a toccarle la passera mettendo la mano dentro gli slip. La sua passera è un lago. Dopo aver leccato in lungo ed in largo le sue tette la sdraio sul divano. Lei con una sguardo da porca si leva gli slip e si mette a gambe larghe offrendomi la vista della sua sorcona nera e pelosa. Io senza perdere altro tempo le avvicino il mio cazzo e glielo metto nella fica ed incomincio a scoparla violentemente. Lei incomincia e gemere ed io le faccio segno di non fare troppo rumore indicando la porta della camera di mia sorella. Lei guarda alle mie spalle ed incomincia a ridere. Io stupito da quella reazione mi giro e vedo mia sorella e Tiziana in piedi che ci guardano. Allora mia sorella mi dice: “Continuate pure, appena avete finito pranziamo.”. A quell’invito riprendo a trombare Emanuela. Dopo averla scopata per un pò la giro, la metto a pecora e le infilo il cazzo nel culo. Nel fare questo vedo che mia sorella e Tiziana si sono tirate giù gli slip dei costumi e si stanno masturbando: allora mia sorella e Tiziana non sono lesbiche, ma solo bisessuali…bene…chissà che dopo non ci scappi una scopata pure con loro. Mentre stavo pensando questo arrivo all’orgasmo ed erutto ettolitri di sborra nel bel culone di Emanuela la quale, sempre più infoiata, urla il suo orgasmo. Dopo di ciò mia sorella e Tiziana si avvicinano e mi leccano il cazzo pulendomelo dallo sperma. Dopo averlo ripulito per bene si rimettono gli slip (nel frattempo Emanuela si era rivestita) e mia sorella ci chiede a tutti quanti se le diamo una mano ad apparecchiare per pranzo.

Publicato in Fratello e Sorella. Parole Chiavi , .